ROMANZI SCACCHISTICI

 

Ecco un elenco di romanzi e racconti basati sul gioco degli scacchi.
Potete trovarli in commercio.

De Toffoli Dario – Colovini Leo

Il Grande libro degli scacchi.

La scacchiera vi incuriosisce da sempre ma non riuscite a distinguere una regina da un alfiere? Oppure sapete già giocare e desiderate affinare la tecnica? In entrambi i casi questo è il libro che fa per voi. Un volume di facile lettura e consultazione che prende per mano il giocatore – neofita o esperto – e lo conduce in una grande avventura fra Torri, Cavalli e pedoni. Dalle regole, spiegate con estrema chiarezza ed esemplificate da diagrammi, all’affascinante storia della diffusione degli scacchi in Europa; dal profilo dei campioni più celebri di tutti i tempi alle strategie per gestire in maniera vincente ogni situazione di gioco; il tutto arricchito da notizie e curiosità sul modo in cui il passatempo più diffuso al mondo ha lasciato un segno nella letteratura, nel cinema e nella cultura popolare. Un libro da leggere, regalare e collezionare: per chi già sa muoversi sulla scacchiera ma vuole saperne di più e per chiunque voglia entrare da protagonista in questo fantastico universo in bianco e nero.

 

Rossana Damasco

Scacchi nostri

Da sempre considerati emblema e privilegio di ambienti aristocratici e circoli d’élite, gli scacchi approdano a una stagione di interesse popolare. Dalle conventicole private agli affollati festival di oggi, essi hanno definitivamente perso l’etichetta di ‘gioco per pochi’ per trasformarsi in vero e proprio sport. SCACCHI NOSTRI è una raccolta di racconti in cui l’infinita varietà di sistemi e l’intrinseca bellezza delle combinazioni ridefiniscono il simbolismo latente di un gioco che, a parere dell’autrice, personifica l’eterna lotta dell’uomo contro se stesso. È un modo originale per apprendere tecniche scacchistiche attraverso la letteratura.

Kasparov Garry

Gli scacchi, la vita. Lezione di strategia dal campione che è diventato il principale oppositore di Putin.

Garry Kasparov è certamente una delle figure più singolari del mondo contemporaneo: è stato il più giovane campione del mondo di scacchi della storia e oggi è un grande combattente per i diritti civili in Russia, dove si oppone con sempre maggior forza e rischi personali alla politica di Vladimir Putin. Con questo libro, Kasparov mostra come gli scacchi siano ciò che gli ha insegnato a vivere e a ottenere il massimo del successo in ogni sua impresa. Secondo lui, infatti, la vita ‘imita’ gli scacchi, nel senso che sono tantissime le situazioni dell’esistenza che possono essere viste come del tutto analoghe a un problema scacchistico, in cui il pensiero strategico, la creatività e le tattiche che servono per conseguire la vittoria indicano, per analogia, la strada da seguire: in questo modo, il millenario ‘gioco del re’ insegna a considerare le forze in campo, a tenere conto dei passi già compiuti, a immaginare e modificare le aspettative di chi ci sta di fronte e, di conseguenza, a formulare un piano per fare scacco matto ai problemi.

Guido Forno

Gli scacchi divinatori. Il nostro futuro da un gioco.

Un collegamento con il paranormale e l’astrologia. Nessuna recensione disponibile.

Giorgio Diaz

Il bianco e il nero

Olmo Scirlocchi è un grande appassionato di scacchi.
Le pedine sono quasi un’ossessione, dai tempi dell’università.
L’occasione che movimenta la vita, piuttosto ordinaria, del protagonista è l’invito da parte di Buccici, un caro amico, a sostituirlo in un torneo interuniversitario di scacchi a Parigi.
Olmo parte, ignaro del fatto che verrà presto coinvolto in un misterioso omicidio, mentre qualcuno di assai astuto trama alle sue spalle.
I personaggi creati da Giorgio Diaz fl uttuano in una realtà che si tinge di giallo ed è arricchita da una lingua nuova, potente e creativa, che guida il lettore in una dimensione che attinge alla tradizione dialettale, ricchissima e impareggiabile, dell’idioma italiano.

Cariello Tiziana

La malinconia degli scacchi non ha colore

Una scacchiera grande come la vita, nella quale le esistenze di singoli personaggi scorrono via, battendosi per sopravvivere tra le mille difficoltà e incertezze di ogni giorno. Non importa siano bianchi o neri, i pezzi vivono, si muovono, vincono o perdono. Uomini che si divincolano nelle strade, con propri modi di essere, proprio come i singoli pezzi del gioco. C’è chi va avanti come un alfiere, diagonalmente e confusamente; come una torre, andando dritto e imperterrito; come un cavallo, che salta, devia il suo percorso per ricadere inevitabilmente giù; come un re e una regina, vigoroso e condizionato al tempo stesso. E poi i tanti pedoni che affollano le strade e sui quali il destino si diverte a giocare, sacrificandoli spesso per un traguardo più grande di loro, per una strategia, il più delle volte incomprensibile per chi ci vive dentro e che ha una sola ineluttabile conclusione: quello scacco matto che mette fine a tutto e lascia vuota la scacchiera.

Barletta Mauro

Gli scacchi sono rotondi

Disavventure della pratica di un gioco ingovernabile


È credenza diffusissima tra i profani che negli scacchi non esista la fortuna. Nulla di più falso! Così scrisse nel 1982 Juhn Nunn, un brillante matematico e al tempo stesso uno dei migliori grandi maestri di scacchi. In questo libro Mauro Barletta ci accompagna con molto spirito e altrettanta competenza nella galleria degli errori-orrori che hanno costellato la storia degli scacchi dall’Ottocento ai giorni nostri. Una carrellata di circa 130 partite e posizioni tratte da partite magistrali e, per un intero capitolo, dai match per il titolo mondiale.

Bennett Ronan

Zugzwang. Mossa obbligata

La Rivoluzione è alle porte: San Pietroburgo è una città vitale e travolgente, centro nevralgico di una nazione in bilico sull’orlo di un cambiamento epocale. Qui la cavalleria prova a ricacciare indietro lo spettro del comunismo; l’antisemitismo mostra il suo volto più scellerato; lo zar è l’ago di una bilancia impazzita e un grande torneo di scacchi sta per iniziare. In un giorno di marzo, Gul’ko, rispettabile direttore di giornale, viene assassinato. Cinque giorni dopo il dottor Otto Spethmann, famoso psicoanalista freudiano, riceve la visita della polizia. La città è una ragnatela inestricabile di complotti in cui paiono coinvolti tutti: la sua adorata e ribelle figlia; un campione di scacchi in crisi; un virtuoso del violino donnaiolo e spendaccione; una signora dell’alta società tormentata da un incubo ricorrente. Spethmann è molto preoccupato e cerca, armato di una conoscenza profonda dell’animo umano e dei suoi istinti più nascosti, di dipanare il filo oscuro delle relazioni, di comprendere i moventi che spingono all’azione. Sulla sua scacchiera, disputa una partita reale e una simbolica nel tentativo di organizzare e non farsi travolgere dalle strepitose forze politiche, storiche ed erotiche – che turbinano intorno a lui.

Katherine Neville

Il Fuoco

A dodici anni, Alexandra Solarin era già una grande promessa degli scacchi, conosciuta a livello internazionale. Ma è stata costretta a rinunciare alla sua grande passione dopo aver assistito alla morte del padre, ucciso da un cecchino sulla gradinata di un monastero presso Mosca nell’autunno del 1993. Oggi Alexandra vive a Washington. Quando la madre le lascia un messaggio sulla segreteria telefonica per invitarla alla sua festa di compleanno sulle montagne del Colorado, dove vive, non esita a mettersi in viaggio. Al suo arrivo, però, non solo scoprirà che la madre è scomparsa nel nulla, ma nella sua casa troverà anche numerosi indizi che rimandano a un’antichissima scacchiera, conosciuta con il nome di Scacchi di Montglane: un oggetto che da sempre si ritiene racchiuda un grande potere. Proprio per questo la scacchiera è rimasta sepolta per mille anni in un luogo sicuro dei Pirenei a finché, agli albori della Rivoluzione francese, non è stata dissotterrata e i suoi pezzi sparpagliati in ogni angolo del mondo per impedire che cadessero nelle mani sbagliate. Ma tutto lascia sospettare che qualcuno sia riuscito a ritrovare tutti i pezzi, e ad Alexandra spetta il compito di appurarlo. Perché, se così tosse, vorrebbe dire che è ricominciata la “Grande Partita” iniziata ai tempi di Carlo Magno e proseguita fino all’Ottocento, in grado di portare il mondo verso la salvezza eterna. O, forse, alla sua inevitabile distruzione… (Mondadori, 2009)

Diane Stuckart

La mossa dell’alfiere

1483. Durante una partita a scacchi viventi tra Ludovico Sforza, duca di Milano, e l’ambasciatore di Francia, viene assassinato il conte di Ferrara, che impersonava l’alfiere bianco. E, accanto al cadavere, viene ritrovato un pugnale di proprietà del duca. E evidente che l’omicida fa parte della cerchia ristretta di Ludovico, quindi, non potendosi fidare degli uomini e delle donne della sua turbolenta corte, il duca decide di affidare le indagini all’unico uomo che può svelare il mistero, un uomo considerato il più grande genio della sua epoca: Leonardo da Vinci…(Nord, 2009)

David Shenk

Il gioco immortale. Storia degli scacchi

In questo saggio David Shenk traccia una storia degli scacchi, spiegandoci come quei trentadue pezzi di legno intagliato che si muovono su un tavolo a riquadri bianchi e neri possano illuminare il nostro modo di comprendere la guerra, l’arte, la scienza e il cervello umano. Una panoramica completa di un gioco che parte dalla Persia del V secolo e arriva ai giorni nostri, raccontando incredibili vicende e facendoci incontrare personaggi geniali. (Mondadori,2008)

Fabio Stassi

La rivincita di Capablanca

Il nuovo romanzo di Fabio Stassi e la storia di Jose Raul Capablanca, il piu grande scacchista cubano di tutti i tempi, che fu bambino prodigio e conquisto il titolo di campione del mondo nel 1921. Amato dalle donne e rispettato dagli avversari, almeno fino a quando non fu scaraventato giu dal trono troppo presto per mano di un suo ex amico, Aleksandr Aljechin, il miglior giocatore di Russia: uno disposto a tutto per gli scacchi, fuggito dalla rivoluzione d’ottobre e approdato in seguito alla corte dei gerarchi nazisti. La storia di Capablanca e la storia del loro duello. L’offesa di una seconda occasione sempre rinviata, come spesso è la vita. Perche Aljechin non concedera mai una rivincita al suo nemico. (Minimum fax, Marzo 2008)

Walter Tevis

La regina degli scacchi

A otto anni, Beth Harmon sembra destinata a un’esistenza squallida come l’orfanotrofio in cui h rinchiusa: sola, timida, bruttina, dipendente dai farmaci, terrorizzata da un mondo che non capisce e che non fa nulla per capirla. Finchi un giorno si trova davanti una scacchiera. (Minimun Fax, 2007)

Benoit Rittaud

L’assassino degli scacchi e altri misteri matematici

Un giovane che adotta una tattica sorprendente ed poi l’omicidio. (Barbera 2005)

Bertina Henrichs

La giocatrice di scacchi


A quarantadue anni, con due figli già grandi e un matrimonio ormai annegato nella noia del quotidiano, Eleni non ha più grandi ambizioni. Lavorare come cameriera in un albergo di Naxos, l’isola greca da cui non si h mai allontanata, le sembra un buon modo per concedersi un po’ d’evasione: uno svolazzo di profumo sconosciuto o una frase rubata in qualche lingua straniera le bastano per sognare altre vite, altri luoghi, e per sentirsi dopotutto soddisfatta. Poi, un giorno, l’imprevisto: rassettando in una stanza, si imbatte in una scacchiera…(Einaudi 2006)

Robert Lohr

Scacco alla regina.

Il nano, l’inventore, la macchina che giocava a scacchi

Vienna, 1770. Al cospetto dell’imperatrice d’Austria e Ungheria, e di tutta la Sua corte, Wolfgang von Kempelen, nobile giurista e inventore ungherese, si appresta a presentare la piy prodigiosa creatura che il genio umano abbia concepito: una macchina capace di pensare e di giocare a scacchi… tratto da una storia vera.(Bompiani 2006)

Daniel Chavarria

Il quarto enigma

Hanno tutti un disperato bisogno di soldi. All’archeologo inglese Oscar Abercromby servono per placare indicibili pene d’amore: il suo ragazzo, Abdel, h stato costretto dalla famiglia a lasciarlo e a sposarsi, e adesso deve saldare i debiti col suocero per poter divorziare. (TropeA 2005)

Lucchetti Roberto

Di duelli, scacchi e dilemmi.

La teoria matematica dei giochi

La teoria dei giochi è una recente disciplina matematica che si occupa dello studio di situazioni di interazioni strategiche fra individui. Il suo nome si rifàa appunto al gioco come primo semplice esempio di interazioni fra individui, tesi a ottenere un risultato che non dipende solamente dalle proprie scelte. Essa ha applicazioni fra l’altro in economia, teoria delle scelte sociali, biologia, psicologia. In questo libro vengono proposti, in un modo semplice e accessibile anche ai non specialisti, numerosi esempi che servono a introdurre i principi di base. Successivamente vengono illustrate alcune parti della teoria con particolare enfasi sulle definizioni e sui teoremi fondamentali.

Mario Leoncini

Aneddoti di scacchi

L’aneddotica scacchistica è ricca di episodi che, più di tante biografie, gettano luce sulla personalità di grandi e piccoli protagonisti di questo mondo affascinante. Rovistando tra centinaia di riviste internazionali e frequentando per decenni l’ambiente torneistico italiano, il maestro Leoncini ha collezionato più di duecento gustosissime “pillole.” Per la nostra curiosità e per il nostro spasso.

Roberto Cotroneo

Per un attimo immenso ho dimenticato il mio nome

La famosa partita Byrne-Fisher ha fatto da asse portante a questo romanzo di Roberto Cotroneo (Mondadori 2002).

Acheng Il re degli scacchi

romanzo, Bompiani 92, veramente si tratta di scacchi cinesi, molto differenti dai nostri, ma il Dizionario enciclopedico degli scacchi di Chicco-Porreca dedica ad essi un lungo articolo..

Fabio Lotti, Mario Leoncini Giallo

Scacchi. Racconti di sangue e di mistero

Vari racconti gialli i cui unici protagonisti sono gli scacchi e le storie sono come partite che gli autori giocano con noi, alcune sono intriganti, altre noiose, mente altre ancora sono imprevedibili.

Lino Aldani

La croce di ghiaccio

romanzo ed. Perseo, Bologna 1989 e i racconti La sfida e Scacco doppio

Paolo Bagnoli

Scacchi e controscacchi

Mursia 94, contiene due racconti che l’autore ha inserito dato il consenso ottenuto dagli intermezzi letterari in Scacchi matti n.2

Samuel Beckett

Murphy

Beckett era un accanito giocatore, giocò a lungo con Marcel Duchamp; in questo romanzo è riportata una partita tra il protagonista e un tal Endon; ispirato agli scacchi è il titolo dell’atto unico Finale di partita

Ingmar Bergman

Il settimo sigillo

ed. Iperborea 1994, oops! dev’essere la sceneggiatura

Massimo Bontempelli

La scacchiera davanti allo specchio

Sellerio 1990, ispirato al romanzo di Carroll

Arrigo Boito

L’alfiere nero

in Racconti neri della scapigliatura, Oscar

John Brunner

La scacchiera

la trama del romanzo si basa su una partita reale, Urania 799

Titus Burckahardt

La maschera sacra

romanzo sul rapporto uomo e scacchi nella cultura araba

Francesco Caldogno

De ludo scachorum

poemetto: insegnamenti scacchistici al figlio

Elias Canetti

Auto da Fé

nel romanzo compare un personaggio di nome Fischerle (abbreviato in Fischer) che vive solo per gli scacchi, sogna di diventare ricchissimo con il gioco, di abitare in una casa ispirata al gioco, di pretendere cifre altissime per giocare.. il romanzo è del 35 Bobby Fischer è nato nel 43

Lewis Carroll

Dietro lo specchio

la trama si basa sulle mosse di una partita e quasi tutti i personaggi sono pezzi degli scacchi

Francesco Colonna

Hypnerotomachia Poliphili

il capitolo Un gioco dei scachi in ballo et altre mesure de soni è con ogni probabilità la fonte primaria dei capitoli del Pantagruele che trattano di scacchi

Lord Dunsany

Il Gambetto dei tre marinai

il racconto lo trovate in Demoni, uomini e dei ed è quello più famoso, ma ne ha scritto altri, come Cruciverba incompleto e Il nuovo padrone

H. Dupuy-Mazuel

Il giocatore di scacchi

romanzo, Sonzogno, rist. 1958

William Faulkner

Gambetto di cavallo

romanzo, Theoria, 1989

Firdusi

Il libro dei Re

nel poema sono riportate le due leggende più celebri sull’origine del gioco

Benjamin Franklin

Morale degli scacchi

Giuseppe Giacosa

La partita a scacchi

il dramma descrive una partita tratta dal poema medievale Huon de Bordeaux

Charles Harness

I giocatori di scacchi

racconto contenuto in L’odissea del superuomo Galassia 70

William Jones

Caissa

Venanzio Laudi Buckle

Ritratto inedito di un dilettante

Messaggerie Scacchistiche

Yasunari Kawabata

Il maestro di go

Fritz Leiber

Incubo a 64 caselle

racconto contenuto nel mitico Robot n.1

Fritz Leiber

I sogni di Albert Moreland

Nova SF n.8 ) e ancora Mezzanotte sull’orologio di Morphy , La mossa del cavallo e Il fantastico mondo del cavallo ; numerosi riferimenti scacchistici, oltre al titolo, ha il romanzo Scacco al tempo

Waldemar Lysiak

Scacco all’imperatore

Rusconi 1994, un romanzo storico

Giambattista Marino Adone
gran parte del Canto XV è dedicato a una partita tra Venere e Adone

Paride Masacci

Scacchiera fantastica

Paul Badura-Skoda

Gabriel Garcìa Marquez

La lunga notte degli scacchi

il racconto è ispirato da un fatto realmente accaduto

Paolo Maurensig

La variante di Lüneburg

Il romanzo capolavoro basato sul gioco degli scacchi

Vladimir Nabokov

La difesa di Luzin

Nabokov era un problemista affermato e discusse la composizione di qualcuno dei suoi migliori lavori nell’autobiografia Parla, ricordo

Katherine Neville

Il segreto del millennio

Uno dei romanzi più belli basato sul gioco degli scacchi – Mondadori 1991

Ferruccio Pezzuto

La partita di Duchamp

Messaggerie Scacchistiche

Reverte Perez

La tavola fiamminga

un fenomenale capolavoro del ‘suspense intelligente’ – romanzo giallo

Giuseppe Pontiggia

Il giocatore invisibile

François Rabelais Gargantua e Pantagruele

nei capitoli XXIII e XXIV dell’ultimo Libro del Pantagruele sono spiegate regole e descritte tre partite sotto forma di ballo

Paolo Racioppo

L’albero degli scacchi

fiaba e poesie

Corrado Rollin Philidor:

il musicista che giocava a scacchi

Messaggerie Scacchistiche

Adrian Rogoz

Pianeta Morphy

romanzo, Galassia

Giorgio Scerbanenco

Venere Privata

romanzo, Garzanti

Gaetano Sciascia (a cura di) Bianco e Nero

Mille anni di mito favola poesia

un’antologia di racconti e poesie pubblicata da Cossidente, Roma 1978

Georgers Simenon

L’uomo che guardava passare i treni

romanzo, Adelphi

Patrick Süskind

Una sfida

racconto interamente dedicato alla descrizione di una partita, contenuto in Ossessioni, edito da Teadue

Cristina Brambilla

I custodi degli scacchi neri

un racconto fantastico di un intero popolo che abita nei cunicoli della metropolitana milanese (per ragazzi) – Brossura 2005

Walter Tevis

The Hustler e Il Gambetto di Regina

S. S. Van Dine

L’enigma dell’alfiere

Mondadori

Marco Gerolamo Vida

De ludo scaccorum

Roger Zelazny

La variante dell’Unicorno

racconto lungo, ha vinto un Hugo

Stefan Zweig

Il gioco Reale

credo sia più conosciuta come La novella degli scacchi qualcuno afferma che sia la migliore storia sugli scacchi di tutti i tempi

Echecs amoreux

poema del XIII secolo

 

 

 

Pubblicato in Uncategorized